educazione

Genitori elicottero: troppe attenzioni mettono a rischio l’emotività dei figli

Genitori elicottero: troppe attenzioni mettono a rischio l'emotività dei figli

Secondo un nuovo studio, l’atteggiamento dei cosiddetti “genitori elicottero”, troppo protettivi con i figli, potrebbe compromettere le capacità dei bambini di gestire le emozioni, con effetti negativi anche sulle loro prestazioni scolastiche

• LO STUDIO
Lo studio ha seguito un gruppo di 422 bambini per otto anni, svolgendo alcuni esperimenti precisamente quando i piccoli avevano due, cinque e dieci anni di età. Nel primo esperimento i ricercatori hanno invitato i bambini, che avevano due anni, e le loro madri a giocare insieme, per valutare fino a che punto il genitore fosse protettivo e tenesse sotto controllo il figlio. Una volta raggiunti i 5 anni di età, sono state messe alla prova le reazioni dei piccoli con alcuni test mirati, analizzandone ad esempio le reazioni quando ricevevano una porzione “ingiusta” di dolce e misurando le loro capacità di risolvere un indovinello a tempo. Quando i bambini hanno raggiunto i cinque e i dieci anni di età, i ricercatori hanno chiesto agli insegnanti di valutare le prestazioni scolastiche e di riferire se avessero o meno notato nei bambini disturbi come depressione, ansia o solitudine.

• I RISULTATI
Dai risultati delle analisi, il team di ricercatori ha osservato che un comportamento più apprensivo dei genitori era associato a un minor controllo delle emozioni dei bambini, quando avevano 5 anni di età. Inoltre, i figli dei genitori elicottero mostravano minori interazioni sociali e rendimenti scolastici peggiori all’età di 10 anni. “I genitori che controllano troppo hanno ovviamente buone intenzioni, perché vogliono sostenere i propri figli”, ha spiegato la co-autrice della ricerca, Nicole Perry, della University of Minnesota. “Tuttavia, per promuovere lo sviluppo delle capacità emotive e comportamentali, i genitori dovrebbero permettere ai bambini di sperimentare una gamma di emozioni, dar loro spazio per esercitarsi e provare a gestire queste emozioni in modo indipendente e assisterli quando un compito diventa troppo difficile”.

 QUALE CONTROLLO?
Lo studio, tuttavia, presenta alcune limitazioni. Una tra queste è che i ricercatori hanno esaminato il comportamento delle madri solamente in un preciso momento, ovvero quando è stato chiesto loro di giocare con i loro figli all’inizio dello studio. I risultati, precisa Janet Goodall dell’Università di Bath, vanno quindi interpretati con la giusta cautela, in quanto è difficile dire quando il controllo di un genitore si può considerare eccessivo. “Lo studio mostra una connessione tra ciò che chiamano ‘genitori elicottero’ e problemi di crescita nei bambini, ma non si può affermare che i genitori ne siano la causa”, commenta al Guardian l’esperta. “I genitori non devono quindi sentirsi colpevoli o giudicati. Ciò che è veramente importante è che si interessino di ciò che i loro figli stanno facendo e stanno imparando”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: