educazione

Quando la scuola fa paura

downloadPianti ogni sera, risvegli notturni, paura di entrare a scuola, di pranzarci, e occhi spaventati anche all’uscita; è tutto un capriccio o dietro c’è altro?

Ecco, questa è la domanda che ogni genitore si pone dopo aver assistito per giorni e forse anche mesi a questo tipo di comportamento da parte dei propri figli. Ma cosa fare?

Credo che il primo passo, sia quello di osservare il comportamento del piccolo anche in altre situazioni come casa, parco, feste ecc ecc, per evidenziare episodi discordanti dalla normalità e per escludere così un possibile “periodo no” temporaneo del bambino.

Successivamente bisogna parlare con le insegnanti, loro sono un autorità per i nostri figli quindi ascoltare un loro consiglio e cercare di collaborare per il bene del bambino è fondamentale e nella maggior parte dei casi risolve anche il problema. Ma se questa collaborazione viene meno?

A questo punto si continua ad osservare il figlio, ascoltarlo e attraverso giochi, disegni, coccole e rassicurazioni cercare di fargli dire cosa lo spaventa.

Ho scritto queste poche righe perchè a differenza del passato dove questi comportamenti da parte dei figli erano sottovalutati, scambiati per capricci o vizi, adesso non è più cosi, o per lo meno, non sempre.

La società è cambiata, il metodo educativo è cambiato, quindi bisogna adattarci ad esso, l’insegnate “a vecchio stampo” deve fare un passo in avanti verso nuove metodologie ed approcci educativi, prediligendo il dialogo, l’ascolto, il sorriso e tenendo le porte sempre aperte per la collaborazione con il genitore, quest’ultimo invece, senza soffocare di ulteriori ansie il proprio figlio deve osservarlo e parlare parlare e ancora parlare con esso, non entriamo nel vortice delle preoccupazioni ed ansie ma nello stesso tempo non sottovalutiamo nulla perchè, il passo dalla paura al trauma ( anche se lieve) è breve, ricordandoci che dietro ogni gesto di un bambino si nasconde una parola e dietro ad ogni comportamento si nasconde un intero discorso.

Giuseppina Biafora

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...